COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE

ART. 1

E’ costituito in Treviso il “Club B.I.T"

ART. 2

Il Club ha sede presso ASSINDUSTRIA VENETOCENTRO / Unindustria Servizi & Formazione Treviso Pordenone, ed ha una durata indeterminata.

ART. 3

Il Club si propone di :

a)    diffondere l’associazionismo fra coloro che ricoprono in azienda funzioni similari in materia informatica;
b)    promuovere una migliore interpretazione della “funzione” di informatica nell’azienda;
c)    costituire un centro di informazione ed orientamento per i soci anche in riferimento alle esperienze internazionali;
d)    sviluppare azioni di promozione, di cooperazione, di sensibilizzazione per accrescere la professionalità dei soci, l’acquisizione e la diffusione di nuove conoscenze;
e)    realizzare i contatti con enti ed organismi italiani e stranieri che perseguono finalità analoghe;
f)    promuovere giornate di studio, dibattiti e riunioni, sia a livello specifico che sui problemi della funzione.

 

SOCI

ART. 4

Possono essere soci coloro che in azienda ricoprono ruoli di responsabilità nel campo informatico e che hanno interessi ad approfondire le loro conoscenze riguardanti le tecnologie dell’informazione.
 Non possono partecipare al Club in qualità di socio coloro che provengono da aziende che svolgono attività anche parziale- di produzione o commercializzazione di beni e/o servizi informatici, che però possono partecipare, se espressamente invitati dal Consiglio Direttivo, ad incontri, progetti, e/o attività del Club.
E’ istituita la figura del socio UDITORE, con poteri limitati per permettere alle aziende operanti nei settori dei beni e/o servizi informatici di partecipare alle attività del Club.

L’associazione, sia come socio che come socio uditore, al Club e la partecipazione alla sua attività è di natura personale.

 

ACQUISTO DELLA QUALITA’ DI SOCIO E SOCIO UDITORE

ART. 5

Coloro, che avendone i requisisti, desiderano entrare a far parte del Club, debbono presentare domanda compilando apposito modulo e provvedere al versamento della quota di adesione.

 

QUOTA ASSOCIATIVA

ART. 6


L’ammontare delle quote, sia per soci che per soci uditori, è determinato, di anno in anno, dal Consiglio Direttivo.

 

PERDITA DELLA QUALITA’ DI SOCIO E SOCIO UDITORE

ART. 7


La qualità di socio e di socio uditore si perde per dimissioni, sopravvenuta mancanza dei requisiti per diventare socio, mancato versamento della quota annuale.

 

ORGANI – ASSEMBLEA ORDINARIA

ART. 8


1.    Assemblea Ordinaria

a)    elegge il Consiglio Direttivo;
b)    deve essere convocata almeno una volta l’anno per l’esame della relazione sull’attività svolta durante l’anno sociale precedente e dei programmi per l’esercizio successivo, che il Consiglio Direttivo deve sottoporre alla sua approvazione;
c)    è regolarmente costituita quando sia presente almeno metà dei soci in prima convocazione, e qualunque sia il numero dei soci presenti in seconda convocazione;
d)    delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità sarà decisivo il voto del Presidente dell’Assemblea.

 

2.    Diritto di intervento alle Assemblee e voto.

a)    l’assemblea deve essere convocata dal Consiglio Direttivo e data comunicazione ai soci, contenente l’ordine del giorno, almeno quindici giorni prima dell’adunanza;
b)    Possono intervenire all’Assemblea i soci effettivi in regola con il pagamento delle quote;
c)    ogni socio ha diritto ad un voto e può rappresentare per delega non più di tre soci;
d)    possono partecipare all’assemblea in qualità di uditori i soci uditori in regola con il pagamento delle quote.

 

3.    L’assemblea è presieduta dal Presidente o, in mancanza, da persona da lui designata.

4.    Il Presidente uscente fa parte integrante del nuovo Consiglio Direttivo con diritto di voto.

5.    In caso di parità di voto, il voto del Presidente ha valore doppio.

6.    E’ ammesso l’uso della posta elettronica per le votazioni.

 

ORGANI – CONSIGLIO DIRETTIVO

ART. 9


1.    Amministrazione dell’Associazione e dei Consiglieri

a)    l’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo, di 5 componenti eletti tra i soci dall’Assemblea ordinaria;
b)    i Consiglieri restano in carica due anni e sono rieleggibili;
c)    se nel corso del biennio vengono a mancare uno o più Consiglieri, il Consiglio può provvedere a sostituirli per cooptazione;
d)    il Consiglio Direttivo può considerare dimissionario, senza formalità di sorta, il Consigliere che, senza giustificato motivo, non partecipa alle sedute consiliari per tre volte consecutive;
e)    componente aggiunto di diritto del Consiglio Direttivo è  un rappresentante designato da ASSINDUSTRIA VENETOCENTRO / Unindustria Servizi & Formazione Treviso Pordenone.


2.    Compiti e funzioni del Consiglio Direttivo

a)    provvedere alla normale amministrazione del Club, attuando i fini sociali e le delibere dell’Assemblea;
b)    nomina al suo interno, il Presidente a maggioranza di 2/3;
c)    costituisce Commissioni tecnico-scientifiche ogni qualvolta ne ravveda la necessità, determinando il numero e gli scopi di ciascuna;
d)    valuta l’ammissibilità dei nuovi soci e verifica la conformità degli aderenti in base all’art. 4 dello Statuto.


3.    Elezione dei Consiglieri

Il Consiglio Direttivo uscente prepara una lista di candidati al nuovo Consiglio Direttivo che viene sottoposta all’Assemblea per la votazione.

 

PRESIDENTE E VICEPRESIDENTE

ART. 10


Il Presidente rappresenta il Club nei confronti dei terzi; presiede il Consiglio Direttivo e le Assemblee dei Soci.
Il presidente nomina tra i membri del direttivo la figura del vicepresidente, che resta in carica per lo stesso periodo del direttivo di cui fa parte.
Il vicepresidente fa le veci del presidente in caso di sua assenza o impedimento o su sua espressa delega.

 

ESERCIZIO SOCIALE

ART. 11


L’anno sociale decorre dal 1° gennaio al 31 dicembre.

 

GRATUITA’ DELLE CARICHE

ART. 12


Tutte le cariche sociali sono gratuite.

 

COMMISSIONE PER LA RICERCA SULLE TECNOLOGIE INFORMATICHE

ART. 13

La commissione ha come scopo l’approfondimento delle tecnologie dell’informazione e il confronto con le realtà produttrici di beni e servizi informatici.

Il Direttivo designa il presidente della commissione per ricerca sulle tecnologie informatiche, stabilisce gli indirizzi, l’organizzazione, le regole di lavoro, i budget e i servizi da attivare.

Alla commissione possono partecipare i soci e i soci uditori.